Nov 27 2017

IL PERDONO

Published by at 09:28 under Psicologia,Psicoterapia

Non gli restava molto tempo.

Ormai lo sapeva e si preparava alla fine, ma era un re.

Avrebbe voluto ritirarsi, riflettere, pesare il bene e il male compiuti, ma gli obblighi di governo lo impedivano.

Infine, decise: affidò il regno al più fedele dei suoi ministri.

Così fu libero di affrontare le ombre che gli oscuravano il cuore e chiedere perdono, prima che fosse tardi.

*** *** ***

Lui, primogenito, ebbe il titolo di re e la mano di una donna, giovane e nobilissima, scelta tempo prima dalla casa reale.

Ma suo fratello la amava perdutamente.

E, purtroppo, dallo sguardo rapito della donna, il re comprese che l’amore era ricambiato.

Però le esigenze del regno furono potenti e la ragione di stato inflessibile: quelle nozze erano necessarie.

Lui, poi, era il primogenito, orgoglioso erede del titolo e del reame.

Il giorno del matrimonio, il fratello minore rese omaggio alla coppia di sposi e si ritirò in un suo lontano possedimento.

Da allora i fratelli non si erano più visti.

Il matrimonio del re fu lungo e placido, ma nel sorriso mesto della donna lui intuiva il rimpianto per l’altro.

Lei rispettò il marito e lo onorò fedelmente, anche se l’affetto del re non riuscì mai a scalfirle l’anima.

*** *** ***

Dopo la morte della moglie, la solitudine gli piombò addosso.

Lui l’aveva amata con tenerezza, ne sentiva la mancanza e rimpianse amaramente di averle impedito quell’amore, legandola a sé.

Nessun figlio, inoltre, aveva scaldato il loro matrimonio.

*** *** ***

Il re si preparò per il viaggio.

Voleva raggiungere il fratello e chiedergli perdono per quell’amore non concesso.

Sapeva quanto le ragioni di stato fossero inflessibili, ma allora aveva mancato di coraggio, si diceva.

Doveva imporsi, rifiutare quelle nozze.

Un’altra donna, un’altra famiglia potente le avrebbe trovate, infine.

Ma ormai tutto era già avvenuto. 

*** *** ***

Il fratello, avvertito del suo arrivo, lo aspettava.

Quando se lo trovò di fronte, nell’atrio del palazzo, il re si intenerì a vedergli i capelli brizzolati e il volto segnato.

Non ci fu bisogno di parole: dicevano tutto lo sguardo oppresso del sovrano, la sua presenza, l’antica arroganza abbattuta.

Il fratello fece un passo avanti: i due si trovarono stretti l’uno all’altro.

E gli sembrò di essere tornati bambini, quando si abbracciavano dopo una lite violenta.

 Nell’atrio gelato, sentirono di volersi più bene di prima e la loro anima si confortò al calore di quella stretta.

*** *** ***

Il re percorreva la strada del ritorno, ma doveva ancora rimediare a qualcosa.

Era stato inflessibile con i sudditi: molti erano contadini, lavoravano la terra dei nobili, ma sapevano combattere per difendere il regno.

Da loro aveva sempre ricevuto rispetto e obbedienza.

E adesso il suo rigore gli pesava: la giustizia esercitata con forza, l’impegno preteso sino alla morte nelle guerre combattute e vinte, lo sguardo inflessibile sulle schiene piegate a mietere il grano e a custodirlo, prima di un possibile assedio.

Allora, ordinò che a ognuno di loro venisse offerto un bel pezzo di terra da tramandare ai figli e ai figli dei figli, in memoria del re.

Un gruzzolo di monete venne donato, invece, ad ogni artigiano e ad ogni mercante del regno, che nella passione del loro mestiere avevano onorato il nome del sovrano.

*** *** ***

Era quasi giunto e mentre percorreva l’ultima strada prima del suo palazzo, lo scosse un ricordo lontano.

Era ragazzino e correva a perdifiato sul suo cavallo, quando una biscia enorme gli attraversò il sentiero.

Lui non se ne preoccupò e gli zoccoli del cavallo la massacrarono.

Il re si stupì che quel ricordo futile lo ferisse, ora che era vecchio.

E comprese maggiormente quanto il suo cuore si fosse addolcito nel tempo.

Allora chiese perdono anche a lei, alla biscia uccisa.

*** *** ***

Ormai era tornato al palazzo.

Si sedette, in attesa.

Un bussare leggero alla porta della stanza.

Lui sussultò, si avvicinò all’uscio, lo aprì lentamente.

Gli apparve una donna vestita di scuro.

Il re sentì il cuore tremare, ma la guardò in volto e si stupì nel trovarla bellissima.

Lei lo prese per mano e lui sentì il calore di quelle dita, poi si fece guidare docilmente.

Oltrepassò la soglia.

E in quel momento lo raggiunse una musica lontana.

Il re esitò, poi la riconobbe.

Era la nenia che gli cantava sua madre, quando da bambino aveva paura del buio.

Poi lo stringeva tra le braccia, che odoravano di rose e gelsomini.

Gloria Lai

leggi anche:

LA CARROZZELLA

Opera tutelata da Patamu.com col N.° 72925 dl 5/11/2017

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Nessun Commento

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Anti-spam: complete the taskWordPress CAPTCHA