Tag Archive 'molteplicità dei sè'

Ott 18 2017

CREATIVITÀ & APPARTENENZA

Ognuno di noi possiede un bagaglio illimitato di risorse, pronte all’uso in caso di difficoltà.

Nasciamo ricchi di possibilità, poliedrici, duttili, versatili, multitasking e creativi.

Ma questa nostra generosa totalità espressiva si frammenta davanti al bisogno di approvazione e al desiderio di appartenenza, dividendo le azioni, i pensieri e le emozioni in:

  • buone o cattive,

  • giuste o sbagliate,

  • normali o anormali…

e costringendoci a schierarci da una parte soltanto.

Così, nel tentativo di sentirci amabili e coerenti, finiamo per rinunciare a tutte quelle opportunità che non si conformano al pensiero e alle credenze di chi ci sta intorno.

Ogni giorno, creatività e appartenenza si fronteggiano nella psiche dando origine a un’infinità di guerre interiori.

Si tratta di due aspetti fondamentali per la salute psicologica e fisica che ci conducono in direzioni opposte:

.

  • la creatività fa emergere quel modo unico e speciale d’interpretare la vita che caratterizza ogni creatura vivente rendendola diversa da qualunque altra

    .

  • l’appartenenza spinge a cercare l’approvazione, l’affetto e la stima del gruppo (famigliare, sociale, etnico…) in cui viviamo

.

Entrambe sono indispensabili per una vita appagante.

Entrambe sono necessarie per una sana realizzazione personale.

Entrambe contribuiscono allo sviluppo dell’autostima e al senso di efficacia personale.

Tuttavia la creatività e l’appartenenza danno vita a espressioni diverse della personalità spingendoci a essere originali e conformi, trasgressivi e omologati, unici e banali… contemporaneamente.

La contrapposizione di questi punti di vista fa nascere nel mondo intimo una molteplicità di voci.

Prendono forma così tante sub personalità, ognuna dotata di una peculiare lettura degli avvenimenti, ognuna pronta a risolvere determinati problemi e  ognuna impegnata a difendere aspetti diversi della realtà.

La vita interiore è popolata da una quantità di figure che incarnano emozioni, riflessioni, pensieri e atteggiamenti eterogenei.

Insieme compongono il nostro modo di essere e ognuna ha bisogno di un’attenzione partecipe e costante, come bambini affidati alle nostre cure.

La convinzione di possedere una sola personalità, non rispecchia la molteplicità della vita psichica e costringe la creatività e l’appartenenza in forme stereotipate che annichiliscono la vitalità generando un’infinità di sofferenze.

Per vivere una vita soddisfacente e ricca di significato è necessario conoscere tutte le nostre possibilità espressive riservando a ciascuna uno spazio di ascolto, fino a permetterci di scegliere, di volta in volta, la più adatta ad agire sulle scene della vita.

Solo così diventa possibile gestire la ricchezza che ci appartiene dalla nascita e costruire l’armonia indispensabile per evolverci nel rispetto, nella condivisione e nell’accoglienza.

Di noi stessi e del mondo che ci circonda.

Abbiamo tanti sé creativi, frutto della nostra unicità e delle nostre scelte di vita.

E tanti sé radicati nella storia della nostra famiglia, della nostra nazione, del nostro popolo e della nostra specie.

Riconoscerli nella psiche e ascoltarne le ragioni consente di esplorare la totalità di noi stessi e di dar forma alla nostra speciale unicità.

Tuttavia, per riuscirci è necessario sostenere la tensione dei loro opposti punti di vista senza schierarsi, sopportando l’apparente incoerenza che caratterizza un’attenzione partecipe e priva di giudizio.

In questo modo possiamo accedere a una molteplicità colorata e ricca di possibilità sempre nuove, pronte a manifestarsi al momento del bisogno.

Occorre aprirsi alla comprensione che ognuno di noi amministra una movimentata e poliedrica comunità interiore, composta da tanti sé (curiosi, avventurosi, appassionati, generosi…) che l’esistenza ci ha donato alla nascita e che aspettano soltanto di mettere le loro qualità al nostro servizio.

Ma dobbiamo imparare a gestirli con democrazia, evitando i colpi di stato dei più assertivi e valorizzando le risorse di quelli meno appariscenti.

Solo così possiamo ammirare l’arcobaleno della creatività, affondando le radici dell’appartenenza nel terreno fertile della nostra anima, e camminare nella vita tenendo a braccetto la forza e la sensibilità, il potere e l’arrendevolezza, l’arroganza e l’umiltà, il coraggio e la paura, la saggezza e la follia.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più? 

Leggi il libro:

LA PERSONALITÀ CREATIVA

scoprire la creatività in se stessi per trasformare la vita

anche in formato ebook
*** *** ***

Ti interessa la pluralità dei sé?

www.innerteam.it

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

No responses yet

Ott 04 2017

IO? … sono un gruppo di identità in convivenza!

Io, io, io, io, io, io…. Ma io chi?!

È difficile definire i contorni di se stessi.

Quella che comunemente chiamiamo personalità non è un monoblocco unico e stabile ma una molteplicità di possibilità espressive in continuo mutamento.

Ognuno di noi è un insieme potenzialmente infinito di identità in divenire.

Identità che si alternano sulle scene della vita a seconda delle circostanze, che cambiano, che crescono, che litigano, che soffrono, che esultano, gioiscono, si mostrano e si nascondono… ognuna a modo suo.

Prendendo le mosse dalla medicina e soprattutto dalla psichiatria, per lungo tempo gli psicologi si sono sforzati di differenziare le caratteristiche di una mente sana da quelle della patologia, senza mai riuscire a descrivere perfettamente le innumerevoli espressioni individuali che di volta in volta presentano i tratti dell’una o dell’altra tipologia.

Oggi tra gli specialisti della psiche si fa sempre più strada l’idea di una pluralità di identità in espansione e in trasformazione, che si manifestano nelle diverse situazioni a seconda delle necessità, delle abitudini, delle paure e delle esperienze che ci troviamo a vivere.

18766049_151833915358442_730215967851401969_n ritoccata web

Tanti o sub personalità che rendono ciascuno di noi un universo senza fine di comportamenti, pensieri, atteggiamenti, emotività e sensibilità.

Più che dire io per indicare se stessi sarebbe quindi corretto parlare di noi e differenziare le opinioni dei vari tipi psicologici che ruotano nel mondo interiore dando forma alla nostra peculiare poliedricità di punti di vista.

Questa diversa visione della personalità, non più immutabile e definitiva ma variegata, mutevole e cangiante, descrive con maggiore chiarezza i conflitti interiori che ognuno si trova a gestire nel corso della propria esistenza.

E permette una visione più profonda dei vissuti interiori.

Si aprono così nuove esplorazioni di se stessi e degli altri, e prende forma una comprensione più precisa, forte della capacità di accogliere ogni punto di vista fino a comporre l’integrità psichica indispensabile per una reale condivisione e necessaria per realizzare una società basata sul rispetto, sulla cooperazione e sulla fratellanza.

La creatività permette di accedere a una pluralità di punti di vista, insegnandoci a scoprire prospettive nuove nella lettura degli avvenimenti. 

Nasce così la possibilità di un’autentica condivisione reciproca.

Prende forma dall’accoglienza in se stessi di una complessità, che fino ad oggi abbiamo chiamato impropriamente io, e modella un ascolto privo di censure, pronto ad accogliere le opinioni diverse dei tanti sé che compongono la personalità di ciascuno.

Poggia sul presupposto che ognuno incarni un aspetto della Totalità e ci aiuta a scoprire nuovi orizzonti espressivi in fondo a noi stessi e agli altri, guidandoci a realizzare una società finalmente capace di accettare tutte le diversità.

In questo quadro, infatti, ogni creatura diventa portavoce di una verità che ci riguarda, indicandoci una delle infinite possibilità espressive a nostra disposizione.

La maestria di ogni essere umano consiste nel saper riconoscere le proprie risorse senza discriminare, individuando qualità, punti di forza e lati oscuri… fino a comporre una personale unicità.

Bene e male non appartengono più a schieramenti opposti in lotta tra loro ma danno forma a uno stesso disegno con cui confrontarsi per poter accedere alla propria completa realizzazione.

Questo non vuol dire permettere l’espressione della violenza e della brutalità.

Al contrario, significa identificare dentro noi stessi anche ciò che non ci piace, imparando ad ascoltare i messaggi che si nascondono nelle zone buie della psiche.

Self-discussion-1 ritoccata web

Spesso l’ombra porta con sé i doni indispensabili per realizzare la nostra missione nel mondo.

Doni che si rivelano soltanto quando abbiamo preso dimestichezza con l’imperfezione e con ciò che giudichiamo sbagliato o inaccettabile in noi stessi e negli altri.

Oltre il disprezzo e il rifiuto si nasconde una verità intima e profonda.

Imparare a non censurare la bruttezza, che da sempre intreccia la bellezza ad ogni passo, permette di evolvere le parti rinnegate della psiche dando forma a un diverso modo di interpretare gli eventi.

Un mondo nuovo ha bisogno di una cultura nuova.

Se vogliamo costruire la fratellanza dobbiamo imparare a vivere nella fratellanza.

Dapprima dentro noi stessi e poi nelle relazioni con con chi ci sta intorno.

Creatività, molteplicità e trasformazione camminano a braccetto e ci conducono a scoprire in noi stessi il valore dell’integrità e della Totalità che ci appartiene.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più? 

Leggi il libro:

LA PERSONALITÀ CREATIVA

scoprire la creatività in se stessi per trasformare la vita

anche in formato ebook
*** *** ***

Ti interessa la pluralità dei sé?

www.innerteam.it

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

No responses yet

Lug 09 2017

IO COSCIENTE: imparare a dirigere l’orchestra dei sé

Convinti di possedere soltanto una personalità, tendiamo a identificarci con le parti dominanti di noi stessi, senza prestare attenzione all’avvicendarsi sulla scena psichica di tanti altri aspetti che (cercando di far valere nell’ombra il loro diritto all’esistenza) agiscono a nostra insaputa.

L’alternarsi (inconscio e perciò imprevedibile) di parti diverse della psiche, crea un doloroso stato di confusione interiore che, impropriamente, cerchiamo di risolvere ignorando i sé giudicati meno importanti mentre, di momento in momento, ci lasciamo possedere dalla loro energia, senza alcuna possibilità di gestione o di controllo.

In nome della coerenza, evitiamo il contatto con la ricchezza che caratterizza il mondo interiore e, non prendendo in considerazione la molteplicità che ci appartiene, circoscriviamo le possibilità espressive a poche forme, stereotipate e prevedibili.

In questo modo annichiliamo il nostro potere, riducendo la creatività e la pienezza e scivolando inevitabilmente nell’insoddisfazione.

La depressione, gli attacchi di panico e tante altre sofferenze psicologiche, segnalano l’estromissione dalla vita emotiva degli aspetti giudicati sconvenienti o poco opportuni.

Aspetti che, per ricevere la nostra attenzione, sono costretti a indossare i panni delle paure, degli incubi, dell’ansia e della sintomatologia fisica.

Reprimere la ricchezza emotiva, infatti, provoca conseguenze nefaste sulla psiche e si ripercuote negativamente nella quotidianità, dando vita a quel senso d’insoddisfazione esistenziale che colora di grigio le giornate di tante persone.

La creatività è la più potente medicina che esista e il suo potere trasformativo e rigenerante si esprime soprattutto nell’accoglienza della poliedricità di se stessi.

.

Ma come gestire quella moltitudine di sé che chiede a gran voce di prendere in mano le redini della vita per condurci nel mondo a modo suo?

.

La soluzione è uno spazio interiore ricco di saggezza, creatività, potere e risorse, che è indispensabile conoscere e che chiamiamo:

io cosciente

L’io cosciente (non è un sé e nemmeno una personalità) è un atteggiamento interiore, un luogo della coscienza da cui osservare il movimento dei sé senza identificarsi con nessuno di loro.

Proprio come un direttore d’orchestra conosce i pregi e i difetti di ogni strumento e ne dirige l’alternarsi, ottenendo una meravigliosa armonia, così l’io cosciente conosce le risorse e i punti deboli di ogni sé e dosa la loro partecipazione, ottimizzando creativamente le possibilità espressive di ciascuno.

Entrare nello spazio dell’io cosciente significa porsi al centro dell’orchestra e da quel centro ascoltare il suono di ogni strumento, individuandone le potenzialità e i limiti, e armonizzandolo con tutti gli altri.

Porsi in quel baricentro di consapevolezza ci aiuta a non scivolare involontariamente dentro l’energia di un sé, permettendoci di comprendere il punto di vista da cui osserva la vita.

Questo non vuol dire lasciar agire impunemente le parti di noi che non ci piacciono.

Al contrario, significa concedere anche agli aspetti meno edificanti un momento di attenzione e di ascolto, creando una sorta di riserva protetta dove poterne scoprire e valorizzare le specificità, senza lasciarsi trascinare dalla loro energia e senza escluderli dalla coscienza.

Non possiamo vivere costantemente nella centralità imparziale dell’io cosciente, perché la forza emotiva di ogni sé e l’immediatezza degli avvenimenti ci trascinano inevitabilmente in una danza senza fine.

Tuttavia, spostarsi ogni tanto in un punto di osservazione neutrale e partecipe, consente di dosare le energie della psiche in maniera funzionale al raggiungimento dei nostri obiettivi.

Più grande sarà lo spazio che dedichiamo a questa consapevolezza, maggiore sarà la possibilità di osservare e riconoscere i vari sé e più ampie diventeranno le nostre possibilità espressive.

Nel mondo della dualità, ogni cosa possiede un aspetto contrario che, proprio grazie al contrasto che si crea, ci permette di riconoscerne la fisionomia.

Nella cultura della sopraffazione, però, tendiamo ad assumere delle posizioni rigide, dividendo gli eventi in categorie antitetiche: buono e cattivo, bello e brutto, giusto e sbagliato, simpatico e antipatico… e così via.

Quando osserviamo le cose dallo spazio dell’io cosciente, permettiamo a ogni parte di noi stessi di mostrarci la propria visione della realtà e ci apriamo a un ascolto imparziale e privo di giudizio.

In questo modo si creano le premesse per una migliore gestione della ricchezza interiore e si aprono le porte a una cultura capace di accogliere invece che distruggere.

Proprio come un pizzico di sale rende più gustoso il dolce, spesso un equilibrio sano si raggiunge grazie a una dose omeopatica di comportamenti (impropriamente) giudicati “negativi”.

.

STORIE DI SÉ… BENE ORCHESTRATI

.

Marina fa la psicoterapeuta e, di solito, è una persona accogliente, dolce, disponibile e attenta alle esigenze degli altri.

Quando, però, va a trovare Caterina, è costretta ad attraversare a piedi un quartiere periferico e mal frequentato e, per evitare seccature, mette da parte il Sé Accomodante e Gentile che la accompagna dappertutto, richiamando l’energia di un sé più aggressivo e capace di difendersi, che nomina scherzosamente: Sé Killer.

Stringendo nel pugno una chiave con la punta rivolta all’esterno, Marina si lascia permeare da quell’energia possente, protettiva e autosufficiente, che le consente di muoversi con disinvoltura e in autonomia, senza mai diventare il bersaglio di provocazioni indesiderate.

* * *

Angela è una nonna premurosa e attenta, sempre pronta a correre incontro ai bisogni dei suoi nipotini, ma anche dei figli di amici e conoscenti, che affollano la sua casa a tutte le ore.

Ultimamente però il “lavoro” di baby sitter a tempo pieno, che svolge senza nessuna retribuzione, le ruba anche i ritagli di tempo e la donna sente di non avere più l’energia di una volta.

Preoccupata per quel calo di rendimento, chiede aiuto al medico di famiglia che, dopo un accurato esame fisico e diversi accertamenti, la informa che il suo organismo è sanissimo e la stanchezza segnala soltanto la necessità di riposo.

Anna si rende conto che qualcosa non va nell’organizzazione delle sue giornate e, grazie all’aiuto di un bravo councellor, scopre quanto il suo Sé Altruista sia sviluppato, mentre il suo Sé Egoista vive, rinchiuso e dimenticato, in una segreta dell’inconscio.

Dallo spazio del suo io cosciente, Anna ascolta le ragioni di quelle due parti di se stessa, proponendosi di dosare meglio la loro presenza nella sua vita.

Nel tempo, imparerà che concedere un po’ di ferie al Sé Altruista e un po’ di lavoro al Sé Egoista può permetterle di ritrovare l’entusiasmo, senza trasformarla in un mostro d’indifferenza, ma anzi, aiutando anche chi le sta intorno a valorizzare e apprezzare la sua abituale disponibilità.

* * *

Alfredo è sempre al verde.

Lavora tanto, senza mai riuscire a mettere nulla da parte.

Inutilmente s’impegna a guadagnare di più facendo ogni genere di straordinari.

Tutto è inutile: arriva comunque alla fine del mese senza un soldo in tasca.

Dopo anni di povertà (inspiegabile, giacché riceve un discreto stipendio) si decide a chiedere aiuto a un terapeuta che, per prima cosa, gli prescrive un Diario delle Uscite e delle Entrate.

Ogni giorno, con assoluta precisione e puntualità, Alfredo dovrà documentare le sue spese e i suoi guadagni.

Dopo qualche mese di lavoro, emerge una stringente verità: l’esubero delle uscite dipende da un’eccessiva generosità, che lo spinge a prestare i soldi agli amici, a pagare per tutti quando si va al bar o al ristorante e a colmare di regali la fidanzata, i genitori, i nipotini e le tante persone cui vuole bene.

Mentre osserva l’orchestra dei sé dallo spazio del suo io cosciente, Alfredo si rende conto di essere cresciuto in un clima eccessivamente parsimonioso e, per compensare i vissuti infantili di povertà, un Sé Generoso non perde occasione di pagare per tutti, mentre un Sé Risparmiatore e Oculato, imbavagliato in un angolo dell’inconscio, si vendica facendolo sentire sempre inadeguato.

Durante il percorso di crescita personale, Alfredo ascolta le ragioni di quelle parti di sé e scopre con sorpresa che, nonostante le diverse vedute, vogliono entrambe la stessa cosa: aiutarlo a essere una persona realizzata, benvoluta e felice.

Col tempo, imparerà a gestire le qualità che ognuna delle due gli porta in dono (rispettivamente: la generosità e la parsimonia) senza lasciarsi possedere dalle loro energie contrastanti, ma valorizzandone i pregi e armonizzandone le modalità.

Concedersi un po’ di oculatezza gli permetterà di mettere da parte qualche soldino e di non sentirsi costantemente povero o spendaccione, mentre limitare un poco la generosità non gli impedirà di essere amato.

Carla Sale Musio

leggi anche:

VISIONE LUCIDA: guardare il mondo senza giudizio

vuoi saperne di più?

www.innerteam.it

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

No responses yet

Lug 03 2017

PERSONALITÀ CREATIVE, EMPATIA E MOLTEPLICITÀ DEI SÈ

Le Personalità Creative riescono a immedesimarsi con facilità nei vissuti degli altri e scoprono presto una verità fondamentale nelle relazioni:

.

quando ci si cala nel punto di vista di chi parla,

ognuno  ha ragione

.

Infatti, partendo dagli stessi presupposti si giunge di solito alle stesse conclusioni.

La capacità di sperimentare le emozioni, proprie e altrui, senza censurarle, si trasforma in una grande ricchezza interiore e permette di usare parti diverse di se stessi in momenti e situazioni diverse.

Questa poliedrica molteplicità di sé permette alle personalità creative di cambiare secondo le circostanze.

Quando, però, non è riconosciuta, può creare momenti di confusione e incertezza.

Infatti, la possibilità di avere un ventaglio di punti di vista contemporaneamente (ad esempio tanti quanti sono i partecipanti a una discussione) mette in serio pericolo la percezione della propria coerenza.

.

AURORA, JACOB E LE VACANZE

IN SARDEGNA

.

Quando arriva al primo appuntamento Aurora non sa più cosa fare… con se stessa.

Il suo tirocinante Jacob è svogliato e perditempo e sembra interessato più al mare della Sardegna che al tirocinio nel laboratorio di ceramica etnica.

Aurora è sempre piena d’impegni e conduce una vita indaffarata e senza soste, dividendosi tra la ceramica etnica, la ricerca universitaria e una vita di coppia appena cominciata e già problematica.

Ha accettato di prendere con sé un tirocinante, soltanto perché glielo ha chiesto una persona che per lei è speciale: l’insegnante di antropologia con cui ha lavorato all’università.

Adesso, però, si rende conto che il giovane straniero, promettente e pieno d’inventiva (così le è stato proposto), è qui soprattutto per farsi una vacanza pagata dalla borsa di studio.

I ritmi lenti di Jacob la innervosiscono e quel suo vivere perennemente alla giornata, senza progetti, lo sente come un fardello che grava su di lei.

“Come mai si assume totalmente la responsabilità del rendimento di Jacob?”

Domando, cercando di comprendere le ragioni di quell’esagerato senso del dovere.

“Non posso esonerarmi!”

Sospira, giocherellando col bordo della giacca.

“Non voglio che la professoressa di antropologia pensi che trascuro il lavoro che le ho promesso.”

“Ma è stata proprio la sua insegnante a proporle Jacob, di sicuro ne conosceva l’indolenza.”

Aurora mi guarda interdetta, sa benissimo che è così.

Ma non riesce a restare fedele a quella comprensione.

La molteplicità dei suoi punti di vista la porta a essere contemporaneamente tre persone diverse e coinvolte in questo problema: Aurora, Jacob e la Professoressa di Antropologia.

Mi armo di pazienza.

Ci vorrà un po’ di tempo per chiarire insieme la pluralità dei suoi sé.

La capacità di essere diversa in situazioni diverse, è ciò che in questo momento rende Aurora confusa e insicura rispetto al comportamento da tenere con Jacob.

Infatti:

Quando lavora con lui, sente che l’attenzione mutevole del ragazzo dipende dalle diverse aspettative sul tirocinio.

In pochi mesi Jacob vorrebbe imparare la ceramica etnica… ma anche conoscere il mare e le spiagge della Sardegna.

Perciò Aurora cerca di assecondarlo, organizzando il suo apprendimento in modo elastico e non troppo impegnativo.

Quando parla con l’insegnante di antropologia, un’Aurora Efficiente e Attiva si sostituisce alla tutor di Jacob e propone un corso altamente specializzato e intenso, che renda in pochi mesi una preparazione adeguata sia nella teoria che nella pratica.

Quando poi rientra a casa, l’Aurora Innamorata occupa il posto delle altre due e progetta vacanze e momenti magici da trascorrere in coppia, per far crescere l’intimità e la condivisione di un progetto di vita insieme.

E fino a qui di Aurora ce ne sono solo tre.

C’è poi un’Aurora che vorrebbe andare ogni tanto a trovare i genitori

Un’Aurora che ama uscire insieme alle amiche

Un’Aurora che sogna di avere un bambino

Un’Aurora che ha bisogno di leggere e viaggiare per aggiornarsi sul suo lavoro con la ceramica etnica…

Un’Aurora che sta cercando di riordinare gli appunti per dare forma alla pubblicazione di un libro…

Un’Aurora (ma questa è completamente schiacciata dal peso delle altre) che ama passeggiare in mezzo alla natura senza doversi preoccupare di niente…

Nel corso di colloqui Aurora diventerà più consapevole delle sue poliedriche possibilità di espressione e riuscirà ad armonizzare le diverse “se stessa”, fino a trovare un nuovo equilibrio interiore più rispettoso delle sue personali esigenze e priorità.

Carla Sale Musio

Vuoi saperne di più? 

Leggi il libro:

LA PERSONALITÀ CREATIVA

scoprire la creatività in se stessi per trasformare la vita

anche in formato ebook

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

No responses yet

Lug 12 2011

Le personalità creative: POSSIEDONO UNA MOLTEPLICITA’ DI SE’

La capacità di sperimentare le emozioni (proprie e altrui) senza censurarle, si trasforma in ricchezza interiore e nella poliedrica possibilità di usare parti diverse di se stessi in momenti e situazioni diverse.

Questa molteplicità di sé permette alle personalità creative di essere persone diverse secondo le circostanze.

Quando, però, non è riconosciuta, può creare momenti di confusione e incertezza.

La possibilità di avere un ventaglio di punti di vista contemporaneamente (ad esempio tanti quanti sono i partecipanti a una discussione) mette in serio pericolo la percezione della propria coerenza.

Le personalità creative riescono a immedesimarsi con facilità nei vissuti degli altri e scoprono molto presto che ognuno (calandosi nel suo punto di vista) ha ragione.

Infatti, partendo dagli stessi presupposti si giunge di solito alle stesse conclusioni.

AURORA, JACOB E LE VACANZE

IN SARDEGNA


Quando arriva al primo appuntamento Aurora non sa più cosa fare… con se stessa!

Il suo tirocinante Jacob è svogliato e perditempo e sembra interessato più al mare della Sardegna che al tirocinio nel laboratorio di ceramica etnica.

Aurora è sempre piena d’impegni e conduce una vita indaffarata e senza soste, dividendosi tra la ceramica etnica, la ricerca universitaria sulle tradizioni popolari e una vita di coppia appena cominciata e già problematica.


Ha accettato di prendere con sé un tirocinante, soltanto perché glielo ha chiesto una persona che per lei è speciale, l’insegnante di antropologia con cui ha fatto ricerca all’università.

Adesso, però, si rende conto che il giovane straniero, promettente e pieno d’inventiva (così le è stato proposto), è qui soprattutto per farsi una vacanza pagata dalla borsa di studio.

I ritmi lenti di Jacob la innervosiscono e quel suo vivere perennemente alla giornata, senza progetti, lo sente come un fardello che grava su di lei.

“Come mai si assume totalmente la responsabilità del rendimento di Jacob?” le domando, cercando di comprendere le ragioni di quell’esagerato senso del dovere.

“Non posso esonerarmi!” sospira, giocherellando col bordo della giacca “Non voglio che la professoressa di antropologia pensi che trascuro il lavoro che le ho promesso.”

“Ma è stata proprio la sua insegnante a proporle Jacob, di sicuro ne conosceva l’indolenza.”

Aurora mi guarda interdetta, sa benissimo che è così. Ma non riesce a restare fedele a quella comprensione.

La molteplicità dei suoi punti di vista la porta a essere contemporaneamente tre persone diverse e coinvolte in questo problema: Aurora, Jacob e la professoressa di antropologia.

Mi armo di pazienza.

Ci vorrà un po’ di tempo per chiarire insieme la pluralità dei suoi sé.

La capacità di essere diversa in situazioni diverse, è ciò che in questo momento rende Aurora confusa e insicura rispetto al comportamento da tenere con Jacob.

Infatti:

  • Quando lavora con lui, sente che l’attenzione mutevole del ragazzo dipende dalle diverse aspettative sul tirocinio. In pochi mesi Jacob vorrebbe imparare la ceramica etnica… ma anche conoscere il mare e le spiagge della Sardegna. Perciò Aurora cerca di assecondarlo, organizzando il suo apprendimento in modo elastico e non troppo impegnativo.

  • Quando parla con l’insegnante di antropologia, un’Aurora efficiente e attiva si sostituisce alla tutor di Jacob e propone un corso altamente specializzato e intenso che renda in pochi mesi una preparazione adeguata sia nella teoria che nella pratica.

  • Quando poi rientra a casa, l’Aurora innamorata occupa il posto delle altre due e progetta vacanze e momenti magici da trascorrere in coppia, per far crescere l’intimità e la condivisione di un progetto di vita insieme.

E fino a qui di Aurora ce ne sono solo tre!

  • C’è poi un’Aurora che vorrebbe andare ogni tanto a trovare i genitori…

  • Un’Aurora che ama uscire insieme alle amiche…

  • Un’Aurora che sogna di avere un bambino…

  • Un’Aurora che ha bisogno di leggere e viaggiare per aggiornarsi sul suo lavoro con la ceramica etnica…

  • Un’Aurora che sta cercando di riordinare gli appunti per dare forma alla pubblicazione di un libro…

  • Un’Aurora (ma questa è completamente schiacciata dal peso delle altre) che ama passeggiare in mezzo alla natura senza doversi preoccupare di niente…

Nel corso di colloqui Aurora diventerà più consapevole delle sue poliedriche possibilità di espressione e riuscirà ad armonizzare le diverse “se stessa” fino a trovare un nuovo equilibrio interiore più rispettoso delle sue personali esigenze e priorità.

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

No responses yet